Guardare con curiosità… e ottimismo

Questo è un marzo nuovo, ma che porta con sé il ricordo di un anno fa. Le scuole tornano a chiudere, i bambini restano nelle loro case, educatrici, educatori e insegnanti ricominciano a pensare a modi per rimanere in contatto.
Da subito, alcuni hanno cercato modi perché i legami restassero vivi, preparando kit per esploratori da donare ai bambini prima della chiusura delle scuole o da lasciare appesi sui cancelli perché potessero trovare un pensiero tangibile. Fili potenti e contagiosi, che fanno sentire più vicini e restituiscono a piccoli e grandi l’appartenenza a una comunità. Una scuola resistente, una scuola presente, che non vuole lasciare indietro nessuno, che non vuole che qualcuno si senta solo.
Noi raccogliamo questo invito una volta ancora e ci rendiamo tramite delle esperienze belle, perché possano circolare e dare forza ad ognuna e ognuno.
Per questo proponiamo un gesto simbolico attraverso un oggetto a cui siamo legati: una rielaborazione del finder disegnato da Keri Smith (in “Living Out Loud, 2003), un piccolo pezzo di cartoncino con un foro quadrato al centro che è un invito a guardare meglio il mondo. A guardarlo con curiosità e ottimismo, aggiungiamo noi oggi. L’invito è a donarlo ad ogni bambina e bambino, ma anche ad ogni ragazza e ragazzo e pure ad ogni adulto, inviandolo da stampare oppure stampandolo e lasciandolo in una busta fuori da scuola con un cordino per poterlo indossare, invitando a guardarci attraverso per non smettere di coltivare l’impulso alla ricerca che anima ciascuno. Un gesto piccolissimo per sentirci più vicini, per camminare insieme anche se distanti, per continuare a guardare, magari cose diverse ma nella stessa direzione.

FINDER post-png

FinderX4-pdf