Materie intelligenti: provocazioni

“Lavorare con il materiale destrutturato significa poter dare una lettura positiva e costruttiva al concetto di “errore”, inteso come tappa necessaria in un percorso di apprendimento, in particolare nel momento in cui il bambino è impegnato in processi autonomi di scoperta. Un traguardo raggiunto, provvisorio, che implica la possibilità di miglioramento, e la percezione di sé come in grado di superare l’impasse – magari insieme ad altri – è la base dell’atto esplorativo di dialogo con scarti industriali, domestici o materiali naturali.”

Flaminia Raiteri e Laura Valli
Materie intelligenti

Materie intelligenti - provocazioni