Rischi di salute

I giochi rischiosi all’aperto hanno un impatto positivo sulla salute dei bambini. Uno studio dell’ Università della Columbia Britannica (UBC)

Una nuova ricerca dell’Università della Columbia Britannica e dell’Istituto per la Ricerca sui bambini e la famiglia del BC Children’s Hospital mostra che i rischi nel gioco all’aperto non sono solo positivi per la salute dei bambini, ma promuovono lo sviluppo della creatività, delle competenze sociali e della resilienza. I risultati, pubblicati sull’International Journal of Environmental Research and public Healt, indicano come i bambini che sono coinvolti in attività fisiche come arrampicarsi e saltare, giochi rudi, ruzzolamenti ed esplorazioni individuali, mostrano una maggiore salute fisica e sociale.

“Abbiamo riscontrato che spazi gioco dove i bambini possono correre qualche rischio aumentano i tempi di gioco, le interazioni sociali, la creatività e la resilienza” dice Mariana Brussoni autrice dello studio e assistente nel dipartimento di pediatria della UBC School of Poupolation and Public Health. “Questi risultati positivi riflettono l’importanza di garantire ai bambini opportunità di gioco rischioso all’aperto come strumento di promozione della salute dei bambini e di uno stile di vita attivo”.

Spazi gioco che offrono elementi naturali come alberi e arbusti, dislivelli e libertà per i bambini di essere occupati in attività che essi stessi scelgono hanno un impatto positivo sulla salute, il comportamento e lo sviluppo sociale.

“Questi spazi danno ai bambini la possibilità conoscere i rischi e di apprendere i propri limiti”, dice Brussoni, anche scienziata presso l’unità di ricerca e prevenzione degli infortuni della Columbia Britannica.

Le preoccupazioni in materia di sicurezza, come gli infortuni, sono stati visti come la maggior ragione per limitare i giochi rischiosi all’aperto per i bambini. I ricercatori hanno scoperto che gli standard di sicurezza degli spazi gioco e un eccesso di supervisione evitano che i bambini siano impegnati in attività rischiose.

“Vigilare sulle attività dei bambini può essere una soluzione più appropriata della supervisione attiva, in particolare per i bambini più grandi”, dice Brussoni. “Noi raccomandiamo di tenere in considerazione un approccio al rischio che nelle politiche e nelle pratiche porti alla predisposizione di spazi di gioco all’aperto che bilancino la sicurezza, con altri effetti benefici sulla salute dei bambini”.

Per approfondire

Traduzione e adattamento di CO

Salite

Grazie alla Scuola dell’infanzia di Pedrengo per l’immagine… e il rischio!